Bulletstorm- Xbox 360

Bulletstorm- Xbox 360
alaScore 90

80 recensioni

08/2018

alaTest ha raccolto ed analizzato 80 recensioni su Bulletstorm- Xbox 360. La media della valutazione per questo prodotto è 4.2/5, confrontata con la media della valutazione di 3.8/5 per altri Giochi Xbox 360.

Abbiamo analizzato differenti valutazioni di esperti ed utenti, età del prodotto ed altri elementi. A confronto con altri Giochi Xbox 360, Bulletstorm- Xbox 360 ha ottenuto un alaScore™ complessivo di 90/100 = qualità Eccellente.

Analisi recensione

(Basato su 80 recensioni)

Recensioni Esperto  

Recensioni Utente  

Disclaimer:

Di seguito è riportato un elenco di recensioni per questo o prodotti simili. Se pensi che questo raggruppamento è sbagliato, fare clic qui per bandiera.
Per saperne di più sulla nostra pagina delle FAQ.
Visualizza 1 - 2 di 2 Visualizza Recensioni: in Italia | tutte le recensioni (78)

Recensione esperto da : Rosario Grasso (hwupgrade.it)

Bulletstorm: le armi non sono l'unico modo per uccidere (PC, XBox 360, PS3)

 

Bulletstorm è il nuovo sparatutto creativo e adrenalinico di Epic Games e People Can Fly, la software house artefice di Painkiller. Si rivela un buon prodotto con tante trovate originali e un multiplayer godibile.

Innovativo ; Immediato e sempre divertente ; Riesce a sorprendere anche nelle battute avanzate della campagna ; Splendidi paesaggi

In alcune cose eccessivamente semplicistico ; Modalità multiplayer ampliabile

Mi piace molto valorizzare quelle software house che si sforzano per introdurre delle meccaniche di gioco che in qualche modo possono essere innovative. Innovazione che troppo spesso manca nella nostra industria, perlomeno intesa come innovazione alle...

03/2011

Recensione esperto da : Francesco Sica (gamesnation.it)

Bulletstorm

 

La prova che il genere FPS ha ancora qualcosa di nuovo da dire...

Coraggiosamente diverso dal solito! Una ventata d'aria fresca sopra la monotonia degli odierni FPS. Tecnicamente massiccio come solo un titolo Unreal Engine 3 può essere

Nonostante l'approccio goliardico, gli alti tassi di violenza virtuale lo rendono un titolo non adatto a chiunque. Discutibile il finale della Campagna in singolo, così spudoratamente aperto ad un inevitabile seguito

02/2011